Un ambiente certificato, ad alta affidabilità per garantire sicurezza e performance alle vostre applicazioni business

Il Cloud Computing è una modalità innovativa di outsourcing informatico che permette di esternalizzare in parte o in tutto l’infrastruttura IT (sia hardware e software) di una azienda.

Una delle sue caratteristiche fondamentali è la formula commerciale di vendita, che prevede la definizione di canoni periodici da corrispondere in base all’effettivo «consumo» di risorse IT da parte dell’azienda utilizzatrice.

Le tipologie di servizi di Cloud Computing possono essere raggruppate in tre categorie principali

Software as a Service (saas)

Il modello SaaS è specificamente legato alle licenze software concesse in uso all’azienda: in questo caso il cliente non acquista le licenze d’uso in anticipo, ma corrisponde un canone periodico (generalmente mensile o trimestrale); il calcolo della quantità di licenze necessarie rispecchia la metodologia tradizionale (ad es. numero di utenti, numero di server, ecc.), ma la differenza fondamentale consiste nel fatto che mese per mese il canone può variare (sia in aumento che in diminuzione) in base alla quantità di licenze necessarie per il periodo esaminato.

Non è più quindi necessario acquistare preventivamente (anticipandone l’intero costo) un numero di licenze elevato che preveda già eventuali aumenti di utenze, ma sarà sufficiente pagare periodicamente solo per le licenze usate realmente.

Un’ulteriore vantaggio di questo modello consiste nel fatto che il cliente generalmente può disporre sempre della versione più aggiornata dei software per i quali corrisponde il canone.

Infrastructure as a Service (iaas)

Il modello IaaS si applica a tutti gli elementi hardware e software che compongono l’infrastruttura IT di datacenter, fra cui server centrali, storage (NAS/SAN), ambienti di virtualizzazione, apparati di networking (firewall/switch), armadi rack, ecc., sino ad arrivare agli elementi software di base (sistemi operativi) e applicativi middleware (database, posta elettronica, ecc.).

Msoft.it è in grado di ospitare i sistemi del cliente sulla propria infrastruttura, assicurandone la gestione, la manutenzione, l’affidabilità e la continuità. Il cliente corrisponde un canone periodico (generalmente mensile o trimestrale), una sorta di affitto dell’infrastruttura, che è commisurata al reale utilizzo nel periodo.

Non è più quindi necessario acquistare preventivamente sistemi sovradimensionati in un’ottica previsionale di crescita, ma sarà sufficiente pagare periodicamente solo per il reale numero di risorse (numero di server attivi, spazio disco, ecc.) realmente impiegate al momento.

L’impiego di ambienti virtuali consente inoltre di assicurare una notevole elasticità: qualora ad esempio si renda necessario ampliare le risorse impiegate (ad es. aumentare lo spazio storage, attivare nuovi server), anche solo per periodi brevi, il Cloud Computing consente di disporre delle nuove risorse in tempi strettissimi; allo stesso modo è possibile ridurre le risorse impiegate qualora non più necessarie.

Un’ulteriore vantaggio di questo modello consiste nel fatto che il rinnovo tecnologico dell’infrastruttura è completamente in carico a Msoft.it che provvede a mantenere i sistemi sempre aggiornati (sia in hardware che in software).
Nel modello IaaS generalmente la manutenzione applicativa resta in gestione comunque al cliente.

Platform as a Service (paas)

Il modello PaaS unisce software e infrastruttura in un unico servizio, per il quale Msoft.it fornisce la «Piattaforma» ossia l’applicazione nel suo complesso.

Il cliente diventa un utilizzatore, senza preoccuparsi di quali e quante risorse IT (server, storage, ecc.) vengano impiegate né come queste debbano essere configurate o mantenute.
La manutenzione anche applicativa è totalmente in carico a Msoft.it.

Il cliente corrisponde un canone periodico commisurato al reale utilizzo della piattaforma, e solitamente legato al numero di utenze abilitate (possono esservi ulteriori parametri che ne determinano il costo).